e tu avrai pensato che l’amore è ingiusto.

amore;ingiustizia;pensieri;coraggio;confronto;codardia;uomini;limiti;pensiero;dispiacere;nicolò pertoldi

“che io poi non te l’ho mai detto ma ogni tanto a te ci penso.
ma di nascosto,perchè sennò poi tu rovini tutto e non mi piace.
non so se te l’ho detto che mi dispiace;tu di sicuro no.
certe volte si impara a incattivirsi,si lo so.non è una colpa poi.
sono orgoglioso di te e non lo sai;stimo di te il coraggio e non te l’ho mai detto e non è giusto.
ero troppo impegnato a pensare di avere chissà cosa in più io,ma non avevo niente.
E tu andavi avanti,andavi oltre;sperimentavi,ti guardavi,ti piacevi.io no.
tu ridevi,io no.
tu sperimentavi,ti guardavi,ti piacevi,te ne fottevi.io no.
sentivo il tuo braccio pesante e cercavo tutte le colpe che non avevi per mascherare la mia piccolezza.
conosco i tuoi limiti,so tutto quello che non mi piace di te:ho fatto una lista che ho riletto mille volte,che ho imparato a memoria.ma tutto il resto non te l’ho detto mai.
e allora avrai pensato che l’amore è ingiusto solo perchè lo sono stato io,con te.
Tu col tempo l’hai capito dove affondo;quale falla c’è sulla mia strada di sabbia.Me l’hai detto una volta,mentre mi abbracciavi e non sapevi che sarebbe stata l’ultima volta che avremmo trovato spazio per reinventarci un affetto crollato di botto.
Me l’hai detto quella volta che -non sono coraggioso-,io;mentre ti accarezzavo le gambe e il collo e le labbra.
Me l’hai detto quella volta,che sapevi che ogni gesto era li per allontanarti piano.
Perchè gli uomini sono codardi e non ti sanno nemmeno cacciare via.”

pezzi di storie andate in fumo,in mano ai balordi che non mi hanno lasciato più nemmeno la voglia di scrivere.