sogni pomeridiani

Uncategorized

“aspetta,dammi un attimo,tolgo tutto!”
-ok!-
respiri.
“ci sono!”
un bacio,perchè ritorni l’atmosfera.
uno sguardo al pavimento dove ci sono i pantaloni e la camicia e il foulard petrolio.
i pantaloni soprattutto.
-che cos’hai nei pantaloni?-
“cioè?” .sorriso.
-cioè cos’hai nella tasca del pantaloni,li a terra?-
“ma no,niente” .sorriso.di quelli a metà e con riserva.
– – .spazio vuoto ben visibile.
“è una cosa,di un mio amico”
-ah ok!-  .sorriso.di quelli a metà e con riserva.
“ah ok e abbassi gli occhi e non mi tocchi.”
– mica posso farci niente.-
“niente che?!” sorriso.di quelli stronzi e con riserva.
-niente,uhm niente.-
“se non puoi farci niente niente non capisco perchè ogni volta che provo a scherzare ti innervosisci!”
alza le spalle e non smette di fissare.fa finta di cercare per davvero una risposta.
-io sono sempre nervoso.anche se non scherzi.sono un canestro di dubbi senza regali nelle tasche,io.-
sorriso.un pò amaro e a metà.di quelli con flebile speranza.

ma la fede è una speranza estesa anche al difuori dello spazio di un sorriso?