Nuvoletta

storie

nuvoletta

Nuvoletta me faccio chiamà oggi, sì,

Nuvoletta.

Perchè sò disgraziata, perchè sò come ‘na

stronza che te se piazza là davanti quanno è

giugno evvoi prenne er sole,

che te ne vai fino a Ostia che manco te piace, ma là sta a regazetta che nun la conosci e già te la voi sposà a settembre.

Me faccio chiamà Nuvoletta;  ‘na stronza che te fa dispetto, che ‘n te chiede scusa manco a pagalla, manco a trattalla male ma te stà là come ‘n palo della lusce, dritta dritta cor muso de chi te sfida.

Che je n’hai dette a sta disgraziata de na nuvola de passaggio, a regazzì. Che je n’hai menate appresso de parole che n’se ponno dì.

Che l’età tua te fa bello e la mia me invecchia

e la gente n’ce voleva vedè camminà tutt’e due pè la strada, mano nella mano come a due innammorati.

Nuvoletta sò io; 53 anni de vita de passaggio a nasconne er sole alla gente.

Che ce n’hai imparate de cose tra le gambe mie, regazzè; ‘n te facevano ombra quelle. N’ero vecchia all’ora.. e come te piaceva tutta la storia che te raccontavano l’occhi mia.

Che le nuovolette ce stanno bene ner cielo sereno, che pare dipinto.

Ma io non sò dipinta regazzè. Sò de passaggio. Pè tutti.

Nuvoletta me faccio chiamà oggi,

mettetevelo nella capoccia; perchè sò de passaggio e va bene così.

C’avete mannato i figli vostri quà, a famme dì se sò ‘ngamba, a educalli a riconoscè er profumo de na donna da queo de na sottana.

De passaggio pure sui marciapiedi, Nuvolè.

De passaggio che è tutto un passeggio,

Nuvolè.

A solita cosa che sò bona, sò la migliore pure mò a cinquantatrè anni, che sò la santa protettrice de tutte le regazze soddisfatte de sta città.

Jè volete bene voi a Nuvoletta vostra;  jè volete bene quanno vè strizza l’occhi e famo le mogli felici in due: quanno tornate a casa e jè portate i fiori e i sensi de colpa.

Jè volete tanto bene voi a Nuvoletta vostra,quella de passaggio; così bene che se n’giorno se n’ammora dè ‘n regazzetto e pe passeggio ce và davero, ma pella strada è vestita come na signora, nun la riconoscete,

ma jè dite che non se po fà de sporcà la vita de ‘n giovenotto; che l’amore n’è pè lei. Pure se mò sta ar centro strada e mica al lato.

Jè volete bene a Nuvoletta e ar giovanotto; talmente bene che li dovete ammazzà.

Voillà, regazzè, ridi, che te credevi?!

Che te credi mò,regazzè?!

Ridi, che sta da vivere, che devi prenne er sole pè la fanciulla de Ostia.

Ridi che c’avete tutta la gioventù pè dimenticavve de me.

Ma all’età mia ‘n sè dimentica ppiù; se fa finta de niente,

ma è diverso.

Che te credevi regazzè?!

E che te credevi, a Nuvolè?!

Ch’io vado a passeggio, mica rimango :

sò de passaggio.

Pè tutti.

Tranne pè me.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...