appunti su Lisbon Story

abbraccio, appunti, aria, cambiamenti, lisbon story, mente, passato, pensieri, sentire, viaggio, vita

Teresa la Cantante: È preoccupato per Frederico?

Teresa la Cantante: Tornerà,è solo un pò..

Philip Winter: e già, un po’..

Teresa la cantante: già!

Teresa la cantante: Ce l’ha una chiave della casa?

Philip Winter: No, tanto la porta è sempre aperta

Teresa la cantante: una è meglio averla. Ecco, prenda la mia!

Philip Winter: è anche quella del suo cuore?

musicista Madredeus: lei ora ne è il custode

Philip Winter: cos’è la chiave senza un bacio?!

“Il suono dell’assenza di Frederic!”

Philip Winter: grazie per la tua cartolina.

Teresa la cantante: l’hai ricevuta?!

Philip Winter: Mi sei mancata.Che mi dici del brasile?

Teresa la cantante: fantastico.

Philip Winter: raccontami tutto!

Teresa la cantante: volentieri ma non ora.

Philip Winter: quando ?

Teresa la cantante: più tardi…come va la tua gamba?

Philip Winter: ooo uff e…. le tue come vanno e come,come vanno le tue labbra ,come va il tuo collo,come vanno i tuoi occhi,come va la tua voce?!… sei talmente bella….

Teresa la cantante: torneranno tutti tra un paio di giorni

Philip Winter: e come faccio a ritrovarti?

Teresa la cantante: lascia la porta aperta!

Philip Winter: dormirò sulle scale!

(c’è tutto il mondo che ti viene in aiuto quando non riesci ad acchiappare un pensiero tra tutti quelli che ti svolazzano attorno.e allora adesso sono frasi,piccoli imput,viaggi brevi.Va benissimo così.non so trovare conforto che nella nuova aria da respirare.nulla,nulla che parli di passato,nemmeno un attimo.l’aria attorno,sarà anche bizzarro e poco romantico,ma dell’aria attorno è l’unico abbraccio che sono in grado di sentire davvero adesso.respiro la vita..perchè domani finisce in fretta ma oggi è ancora qui.)

uova

dentro, divenire, evolvere, fermentare, fuori, intimità, morte, mutare, osservazione, passaggio, percorso, teca, uova, vita

Uova

fotografate,illustrate,rotte,mescolate,infornate,bollite,osservate,associate,mangiate..

sempre per un motivo,anche quando non lo dici,anche quando non lo sai.

Dentro alle uova,fuori dalle uova.

L’intimità,lo stato embrionale delle cose,il potenziale di vita inespresso.

Tutto sottoposto,anche contro la mia volontà,agli occhi curiosi,invasivi,scrutatori e indelicati del mondo,del “fuori dalle uova”.

Ma crescere e cambiare significa accettare che qualcuno ti cali le mani nello stomaco e vedere che succede.E’ da tanto tempo che me lo dicono ma è solo da questa estate che davvero io so osservarlo,il cambiamento.E’ una cosa naturale,è come imparare:ci va di pari passo e si esprime un pò alla volta che quasi non ti accorgi.Anche se in verità in altre ti sorprende; I ritmi sono strani e tutto si stravolge e tu non lo sai gestire.

E il mondo si spaventa a guardarti.E tu devi dargli del tempo,ma non il tuo,non tocca a te.

Dopo quella esperienza,dopo una strana amicizia,dopo un anno intenso a cercare di capire,a non sapere dove andare,tutto in un book che c’ha dentro la mia vita passata(nessun aggettivo,basta,è stato quel che è stato) messo in mano ad altri,adesso un box 40×40 di plexiglass,chiuso per due anni con dentro “pezzi di fuori” e “pezzi di dentro” di un uovo, a stabilire una realtà che conosco e che non mi andava di pronunciare stasera.

Perchè tutto può cambiare;non credete a chi vi dice di no,anche se quei “chi”spesso siete voi..e spesso anch’io sono uno di quei “chi”.

Che male potrà fare guardarlo?Che male se,mentre cammini trasportando quella scatola,il micromondo dentro trema e si risistema sbottando in quattro angoli e poi nel centro?Non è forse già successo in altre scatole più grandi,non è forse già successo prima d’oggi?

No,non è una vera domanda,io ho la mia risposta,ed ho anche la vostra,perchè in tal caso sembra l’unica.

Presuntuoso?!Sperate di si,altrimenti vorrebbe dire che voi non esistete.

E sono uova,non a stabilire chi sono o chi ero,non a stabilire me o qualcun altro,in realtà a non stabilire.E poco importa quel che ci vede un altro:puoi invitare ad osservare,puoi anche inorridire,non sta a te decidere reazioni,cuoriosità e smarrimenti dei pezzi di dentro e di fuori di qualcuno che non sei.Io ho deciso di osservare,di forzarmi un pò,di provare a guardare da vicino il circuito invisibile,monitorarne il divenire.

Cosa è cambiato?

Ho chiuso le porte che intendevo chiudere da tempo,ho detto I miei no e poi ho iniziato a dire anche I miei si;a pensare che è questione di atteggiamento,di equilibrio precario tra decisioni ponderate e scelte impulsive,tra pentimento e coscienza,tra dispiacere ed esperienza,tra vita e morte.Faccio adesso della vita il mio più grande interrogativo senza affogare in un pessimismo limitante,sperimentando cure preventive alle patologie ed accettando che il malanno se ti becca,ti becca;guarire è scelta,è sacrificio,è forza,è bellezza,è condizione esistenziale.

Tra dentro e fuori,tra rumore e silenzio,tra passato e presente,tra quel che posso e quello che potrei, non butto niente e lo metto in saccoccia perchè se tutto è fermentato fino a qui,tutto continuerà a mutare anche oltre.Ad esclusione di nessun passaggio,nemmeno quello della morte, o della vita dopo la morte.