il cacciavite

la porta di casa ha per maniglia l'ombelico
twist&shout by Nicolò Pertoldi

twist&shout
by Nicolò Pertoldi

E’ il sogno del cacciavite in mezzo ai denti
(agli incisivi) ,la striscia bianca sul naso e gli occhi grandi “tirati da sotto e da sopra”.

No,non è stato un incidente: l’ho conficcato io per guardarmi diverso,a denti larghi,come quando ero piccolo.
Nel nero camerino del teatro,
lo specchio con le lampadine,
il cerone bianco e il maglione a frange.
Sembravo un topo o un coniglio?
Si,ma comunque avevo occhi chiari.
<< Come sei cambiato,così te ne vai in giro? >>
<< Così in scena! >>

Non scriverò niente che abbia un senso.Uno apparente,almeno.

Certe volte mi ripassano davanti le centomila vite che avrei potuto vivere fin dal principio.E le guardo con occhi grandi e chiari, “tirati da sotto e da sopra”.

C’ho messo dieci anni a fare andare le cose per bene;ci ho messo dieci anni a capire che cosa speravo di trovare dopo un’altra fuga a denti stretti.

Ma ora me li allargo con un cacciavite, per guardarmi diverso.
[mi sa che stavolta non ho avuto paura]

Annunci